Progetto presente ogni anno
Mus-e presso L'OSPEDALE INFANTILE REGINA MARGHERITA
Progetti a.s. 2012/2013
Progetto "Gli artisti Mus-e per i bambini Mus-e"
Progetto "Il giro del mondo in 80 giorni"
Progetti a.s. 2010/2011
Esperienza Italia: un evento che guarda al futuro
Progetto "Marco Polo"
Progetti a.s. 2009/2010
Spettacolo "Falchera T.V.B."
Spettacolo "Goccio-lina e il perfido Dottor Smog"
Progetti a.s. 2008/2009
IL CANTO DEI SUONI un'avventura straordinaria...
LE MILLE E UNA NOTTE - Incontro tra le arti
COLORIAMO IL MOVIMENTO
Progetto BAMBINI E GENITORI
EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE
Spettacolo teatrale "Lunga è la strada...piccoli i passi"
Progetti a.s. 2007/2008
THOT il misuratore del tempo - Incontro tra le arti
IL CANTO DEI SUONI un'avventura straordinaria...
L'INCANTO DELL'OMBRA - musica e teatro d'ombre
MUS-E PER I PIU' PICCINI
EMOZIONE E COLORE IN MOVIMENTO

Gli artisti Mus-e per i bambini Mus-e
Pensiamo sia importante, al fine di arricchire la nostra proposta didattica, mostrare alle classi del Progetto Mus-e, una parte fondamentale delle arti: lo spettacolo.
Infatti ci rendiamo conto che sempre più spesso i bimbi che incontriamo, soprattutto nelle prime, non sono mai stati a teatro né sanno cosa esattamente significhi questa parola. Se da una parte le famiglie sempre più raramente partecipano autonomamente a questo aspetto della vita culturale, dall'altra parte anche le scuole e le insegnanti hanno grosse difficoltà nell'organizzare uscite talvolta troppo costose ed impegnative per l'organico della scuola.
L’analoga esperienza dell’anno scorso è stata molto positiva.
I bambini si sono entusiasmati e divertiti e le maestre hanno rilevato l’importanza di un’esperienza teatrale, in un vero teatro, con gli artisti che i bambini hanno conosciuto come maestri
.
Abbiamo scelto due proposte di artisti che lavorano da anni nel Progetto Mus-e:

"APRITI SESAMO”
Spettacolo/laboratorio per 50 classi delle scuole Mus-e
un'idea di Simona Balma Mion e Paola Chiama
coreografia e danza Paola Chiama
video animazione Simona Balma Mion
effetti video interattivi Massimo Giovara
musiche originali di Marco Amistadi

PREMESSA
Un personaggio strano, simile a un folletto bianco, si muove dentro un mondo virtuale, gioca con oggetti inesistenti, nuota in un mare fatto solo di luce, danza con la propria immagine che si moltiplica sullo schermo.
Apriti Sesamo utilizza i linguaggi della danza e del cartone animato, con proiezioni sul corpo della danzatrice e sullo schermo e con tecnologia che permette l'interazione dal vivo tra proiezione e movimento, per creare un gioco di percezioni extra-ordinarie, fantastiche e illusorie.
Per il bambino piccolo realtà esterna e fantasia non sono due mondi separati nella loro essenza, uno dotato di esistenza e l'altro no, come per noi adulti. Il bambino progressivamente impara a conoscere la differenza tra queste due dimensioni ma a lungo continua a essere in grado di attraversare la porta che le separa come se fossero le stanze attigue di una stessa casa.
OBIETTIVI
Il nostro lavoro vuole essere una porta tra mondo interno e realtà esterna.
Un elemento di quel mondo transizionale di cui parla Winnicott intendendo un'area intermedia tra ciò che è soggettivo e ciò che è oggettivamente percepito: “[...] io sto qui spezzando una lancia in favore di uno stato intermedio tra la incapacità e la crescente capacità del bambino di riconoscere la realtà. Sto pertanto studiando la sostanza della illusione, quella che viene concessa al bambino e che, nella vita adulta, è parte intrinseca dell'arte e della religione [...]” (D. Winnicott, Gioco e realtà, 1971)
Questa illusione così bistrattata da parte del mondo adulto è dunque il terreno su cui fiorisce l'arte, la cultura, la creatività.
METODOLOGIA
Il nostro lavoro prende spunto dal gioco spontaneo dei bimbi con le ombre e le luci per utilizzare il mezzo audiovisivo in una cornice di spettacolo dal vivo, con l'obiettivo di introdurre i piccoli alla fascinazione dello schermo e del teatro insieme.
Ci teniamo a precisare che i contenuti proiettati sono studiati e costruiti in maniera sostanzialmente diversa dai cartoni animati a cui siamo abituati solitamente: ritmi lenti, disegni che nascono dall'immaginario infantile, un continuo scivolare della dimensione narrativa in quella astratta, legata al gioco di forme e colori. Parimenti la danzatrice fa uso di un linguaggio danzato semi-narrativo, in cui gesto significante e movimento astratto possono stare insieme come nella danza spontanea di un bambino.
Il lavoro è strutturato a quadri, per dare la possibilità anche ai più piccoli di seguire il filo del “discorso”.
STRUTTURA DELL'ATTIVITA'
• Visione dello spettacolo Apriti Sesamo, durata 40 minuti.
• Laboratorio: si proporrà ai bambini un momento di gioco con le immagini proiettate, la loro ombra e la musica. L'attività sarà solo parzialmente strutturata, in maniera da ma lasciare che ogni bambino trovi il suo spazio di scoperta e di creazione. Durata 20 minuti.
DURATA TOTALE DELL'ATTIVITA': 1ora
RAPPRESENTAZIONI PER 50 CLASSI MUS-E
Sala Piccola della Casa del teatro Ragazzi
Sala Teatro del Cecchi Point
"SUONI - una storia di colori" per sacchi al vento, tubi e acqua
Proposta per un concerto/lezione per 20 classi di Mus-e Torino
zampogne e cornamuse Alberto Bertolotti
corno, corno delle alpi Martin Mayes

GLI STRUMENTI DEL DUO "POLI ERRANTI"
Il corno delle alpi e la cornamusa sono due strumenti a fiato di fortissimo impatto visivo e sonoro nonché anche strumenti antichissimi. Hanno anche un grosso legame con la natura: tutti e due sono collegati strettamente alla vita e al mondo del pastore e creati dai materiali dei campi e boschi dei pastori.
La cornamusa è creato dalla pelle di un animale del gregge per la sacca con rami degli alberi locali per i tubi. Mentre il corno delle alpi è ricavato da tronchi di abete cresciuti storti sui pendii delle vallate alpine.
LA MUSICA DEL DUO
La musica del duo si basa su brani folk e rinascimentali, brani semplici e orecchiabili che servono per dipanare una specie di storia sonora intorno ai due strumenti, un dialogo sugli armonici e i bordoni con danze antiche e moderne. I concerti del duo sono una storia di suoni e parole che mettono in gioco sonorità accattivanti anche se un po’ inusuali ma di grande suggestioni. L’insieme di strumenti, parole e musiche creano un piattaforma di lancio per intarsiare storie della cornamusa provenienti dalle fiabe, il tutto per stimolare un coinvolgimento sonoro del pubblico, per portarlo ad un ascolto non passivo della fisicità del suono e del silenzio, il silenzio la culla di tutto, il giaciglio del suono.
“La Musica trae a sé li spiriti umani, che quasi sono principalmente vapori del cuore, sì che quasi cessano da ogni operazione: sì e l’anima intera, quando l’ode, e la virtù di tutti quasi corre allo spirito sensibile che riceve lo suono.”
DANTE Convivio
STORIA DEL DUO
Anche la storia del Duo sembra rispecchiare la storia e la natura degli due strumenti: Bertolotti e Mayes si incontrano nel giugno 2011 al Sacro Monte di Varallo (il più antico tra quelli esistenti), passano poi in concerto per le vigne di Bava a Cocconato, un cucuzzolo davanti alla Cappella di San Giorgio, Peveragno (CN) (luogo preistorico consacrato al solstizio d’inverno con simbologie cristiane e precristiane), il cortile del Castello di Inverno (PV) (prima dimora italiana dell'Ordine dei Cavalieri di Malta) e il Salone Baronale del Borgo Medievale di Torino!
IL NOME "POLI ERRANTI"
Rispecchia il movimento spaziale e musicale del duo nonché il fatto che il ruolo di protagonista si sposta tra i musicisti e gli ascoltatori, alle volte chi suona deve mettersi in ascolto e viceversa, traendo ispirazioni dalla oscillazione e migrazioni dei campi magnetici della terra, cioè che i poli terrestri non stanno mai fermi, che si spostano in modo variabile da un luogo all’altro e che periodicamente si invertono.
DURATA DEL CONCERTO/LEZIONE: 1 ora
REPLICHE
al Teatro del Cecchi Point

Il giro del mondo in 80 giorni
La Fondazione Bottari Lattes ripropone per maggio 2013 un’esperienza analoga a quella realizzata a maggio 2011 a Monforte D’Alba.
Il caratteristico paese vecchio per una settimana viene trasformato in una grande scenografia dove artisti e bambini presentano le loro performances.
Nel 2011 tredici classi Mus-e di Torino hanno vissuto le esaltanti avventure di Marco Polo.
Il libro ispiratore per il 2013 sarà
“Il giro del mondo in 80 giorni” di Giulio Verne.
Nelle strade, nelle piazze e negli storici edifici di Monforte si svolgeranno spettacoli presentati da Compagnie di Teatro e di Danza, da classi Mus-e di Torino e di Savona, oltre a laboratori d’arte per bambini e famiglie.
Le classi Mus-e di Torino che parteciperanno al progetto porteranno a Monforte l’evento conclusivo dei loro laboratori d’arte che si svilupperanno prendendo ispirazione dall’avventura de “Il Giro del Mondo in 80 giorni”.
Ogni classe sarà accompagnata dai due artisti che hanno elaborato il progetto in collaborazione con le maestre.
Tutti i giorni della manifestazione partirà da Torino per Monforte un pullman con 50 piccoli artisti
Le energie messe in campo sono tante ed i bambini vivranno con gioia, entusiasmo ed emozione questa esperienza che li vedrà protagonisti e fruitori di un evento importante per la loro educazione e crescita.
SCUOLE
CLASSI
ARTISTI
FONTANA
2A - 2B
Anna Mostacci teatro
Maria Balbo danza
Marco Amistadi musica
Simona Balma Mion arti visive
PELLICO
2D - 3B
Luigina Dagostino teatro
Patrizia Panizza danza
Ada Mascolo arti visive
AMBROSINI/
NERUDA
3A - 3B - 3C
Angelo Di Vito teatro
Massimiliano Giai Bastè musica
Luisa Borio danza
Alessandra Odarda arti visive
ANNA FRANK
3A - 3B
Martin Mayes musica
Raffaella Giorcelli arti visive
Enrica Brizzi danza
ILARIA ALPI
3B - 3C
Paola Chiama danza
Massimo Giovara teatro
Sara Ghirlanda arti visive
I.C. CENA
3A - 3B
Sandro Carboni teatro
Alessandro Allera arti visive e musica
MANZONI
2B - 2C
Alessandro Allera arti visive
Patrizia Panizza denza

A T T I V I T A'...P E R...A R E A

L'arte per l'integrazione a scuola..............