Progetto presente ogni anno
Mus-e presso L'OSPEDALE INFANTILE REGINA MARGHERITA
Progetti a.s. 2008/2009
IL CANTO DEI SUONI un'avventura straordinaria...
LE MILLE E UNA NOTTE - Incontro tra le arti
COLORIAMO IL MOVIMENTO
Progetto BAMBINI E GENITORI
EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE
Spettacolo teatrale "Lunga è la strada...piccoli i passi"
Progetti a.s. 2007/2008
THOT il misuratore del tempo - Incontro tra le arti
IL CANTO DEI SUONI un'avventura straordinaria...
L'INCANTO DELL'OMBRA - musica e teatro d'ombre
MUS-E PER I PIU' PICCINI
EMOZIONE E COLORE IN MOVIMENTO

EMOZIONE E COLORE IN MOVIMENTO
Progetto speciale di danza e pittura.
Anno scolastico 2007-2008 - Classi 3A e 3C della Scuola Elementare Pestalozzi di TORINO.
TEAM DEL PROGETTO
Paola Chiama
artista danza
Sara Ghirlanda
artista arti figurative
Gabriella Tagliabue
insegnante
Giuliana Romagnoli
insegnante

"CAVOLI A MERENDA
uno spettacolo da gustare con/in tutti i sensi"

Lo spettacolo sarà replicato nel corso della festa della Scuola Pestalozzi domenica 25 maggio 2008 alle ore 16 circa

Visualizza la scheda dell'evento
Il progetto nasce dalla proposta di continuità didattica e lavoro interdisciplinare delle artiste Paola Chiama e Sara Ghirlanda sulle classi 3A e 3C della Scuola Elementare Pestalozzi per l’anno scolastico 2007/2008, in accordo e con l’attiva partecipazione delle insegnanti Gabriella Tagliabue e Giuliana Romagnoli. L’obiettivo che ci siamo prefisse è stato quello di dare spazio al flusso creativo dei ragazzi, ovvero creare le condizioni per un lavoro di creazione artistica che potesse portare ad un risultato più strutturato della lezione aperta e costituire una esperienza creativa di notevole importanza per i bambini di queste classi.
Il lavoro si è sviluppato tramite:
L’approfondimento di entrambi i linguaggi, danza e arti figurative, separatamente. Per quanto riguarda la danza sono stati approfonditi alcuni elementi di tecnica (ritmica, postura, coordinazione, scioltezza), alcune possibilità espressive che non possono essere affrontate nel primo anno di laboratorio (caratterizzazione del personaggio, espressione di stati d’animo, uso dell’intenzione e del sottotesto teatrale), si è entrati consapevolmente nel processo che porta dall’improvvisazione alla creazione di una coreografia. Per quanto riguarda l’arte figurativa l’approfondimento ha riguardato l’utilizzo delle tecniche pittoriche (segno, colore, texture) e l’introduzione della tridimensionalità, tramite tecniche legate all’uso di altri materiali, anche di recupero, e alla creazione di oggetti. Si sono esplorate le emozioni partendo dal colore, dalla materia, dalla forma.
L'interazione tra i due linguaggi, tramite la compresenza delle due artiste. È stato individuato un tema comune di lavoro, non solo narrativo: infatti spazio, ritmo, energia e immaginazione sono strumenti che accomunano a livello creativo i due linguaggi artistici, così come la possibilità di lavorare sul piano figurativo ovvero su quello astratto. Abbiamo individuato il tema del cibo in quanto veicolo di identità culturale ma anche strumento di condivisione, di avvicinamento sociale e superamento delle differenze. Si è deciso di creare una performance interattiva, un “invito a cena” per il pubblico delle famiglie. Si è inteso trasformare il gesto pittorico in movimento ricreando ambienti astratti-emozionali, per evolvere e trasformare l’esperienza fatta stimolando il bambino nella sua creatività attraverso una maggiore consapevolezza del corpo che passa dal linguaggio mimico gestuale alla pittura.
La creazione, nella parte finale del laboratorio, di una performance finale, con il coinvolgimento delle famiglie degli alunni nell’evento performativo, che hanno assistito allo spettacolo e partecipato attivamente nell’organizzazione e preparazione di un buffet multietnico finale.

A T T I V I T A'...P E R...A R E A

L'arte per l'integrazione a scuola..............